Home » LAVORO » Accordo di rinnovo 5 febbraio 2021 – Contribuzione sindacale straordinaria.

Accordo di rinnovo 5 febbraio 2021 – Contribuzione sindacale straordinaria.

L’Accordo 5 febbraio 2021, di rinnovo del CCNL per l’industria metalmeccanica e della installazione di impianti, ha stabilito termini e condizioni per la raccolta del contributo di 35,00 Euro che i sindacati Fim-Cisl, Fiom-Cgil e Uilm-Uil richiedono ai lavoratori non iscritti al sindacato (Allegato 1) a titolo di “quota associativa straordinaria” a fronte dell’attività di negoziazione svolta i cui risultati interessano tutti i lavoratori ai quali si applica il contratto nazionale di settore.

Su richiesta di Fim, Fiom e Uilm si è concordato di procedere alle trattenute con le identiche modalità già utilizzate per i C.c.n.l. precedenti e, pertanto, ai lavoratori che non abbiano espressamente rifiutato il pagamento del contributo straordinario mediante la riconsegna dell’apposito modulo debitamente compilato (Allegato 3) la trattenuta sarà comunque effettuata secondo la modalità del silenzio assenso.

Le Aziende sono tenute ad affiggere in bacheca, a partire dal 29 marzo e fino al 15 maggio, un avviso (Allegato n. 2) con cui si informano i dipendenti che i sindacati stipulanti richiedono a tutti lavoratori non iscritti una quota associativa straordinaria di 35,00 euro.

L’avviso potrà essere esposto non solo nell’albo delle comunicazioni aziendali ma anche nei luoghi di maggior passaggio (quali i locali mensa, gli spogliatoi, gli uffici, ecc.) in modo da consentire una più efficace e tempestiva informazione.

Inoltre, in considerazione dell’utilizzo diffuso del lavoro a distanza, l’avviso dovrà essere integrato con una comunicazione attraverso altri canali già in uso in azienda: posta elettronica, bacheca elettronica, ecc.

Le Aziende devono distribuire, a tutti i lavoratori, con la busta paga corrisposta nel mese di aprile, l’apposito modulo (Allegato n. 3) con il quale si consente al lavoratore di accettare o rifiutare l’effettuazione della trattenuta di 35,00 Euro. 2 Per rifiutare l’effettuazione della trattenuta i lavoratori devono riconsegnare il modulo, compilato in tal senso, entro il 15 maggio p.v..

Nel caso in cui il dipendente autorizzi in modo espresso l’azienda ad operare la trattenuta ovvero non riconsegni il modulo, le Aziende devono procedere ad effettuare la trattenuta sulla retribuzione relativa al mese di giugno 2021.

Sono in ogni caso esclusi dall’effettuazione della trattenuta di 35,00 euro i dipendenti:

  • iscritti a qualsiasi sigla sindacale comprese quelle non stipulanti il C.c.n.l.;
  • che a causa di assenza a qualsiasi titolo siano stati impossibilitati alla ricezione e/o alla riconsegna del modulo.

Considerata la modalità del silenzio/assenso adottata per l’acquisizione del consenso del lavoratore, sarà opportuno attendere il tempo necessario per eventuali rettifiche prima di procedere al versamento delle trattenute effettuate.

Le Aziende dovranno versare gli importi trattenuti esclusivamente sul conto corrente bancario intestato a FIM-FIOM-UILM – contratti aziende private presso BNL, Roma, codice IBAN IT68G010 05032 000 000 000 45109.

Le Aziende, infine, sono tenute a dare “tempestiva comunicazione, tramite le Associazioni Imprenditoriali, alle Organizzazioni Sindacali di Fim, Fiom e Uilm territoriali, del numero delle trattenute effettuate”.

Nel confermarci a disposizione per ogni chiarimento si rendesse necessario e nell’invitarVi a tenerci informati per qualsiasi questione dovesse essere posta in merito alla materia qui esaminata, porgiamo i migliori saluti.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi