Home » PANORAMA » Ancora da sfruttare l’80% del potenziale energetico degli edifici

Ancora da sfruttare l’80% del potenziale energetico degli edifici

edifici efficienti Nel suo World Energy Outlook 2012 (WEO), lanciato a Bruxelles il 20 novembre 2012, l’Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA) sottolinea per la prima volta il potenziale non sfruttato di efficienza energetica in termini di vantaggi economici, i miglioramenti per la sicurezza energetica e la tutela ambientale.
Molteplici vantaggi di efficienza energetica potrebbero essere raggiunti se le tecnologie attualmente disponibili e le pratiche per migliorare l’efficienza energetica venissero adottate sistematicamente, portando il “risparmio energetico, entro il 2035, pari a quasi un quinto della domanda mondiale del 2010”, secondo quanto ha affermato il direttore esecutivo dell’ IEA, Maria van der Hoeven.

Con riferimento al settore delle costruzioni, il WEO deplora il fatto che l’80% del potenziale economico di efficienza energetica degli edifici che non venga utilizzato, in gran parte a causa di barriere non a carattere tecnico.
Poiché il fabbisogno energetico dell’UE è in crescita e pertanto è prevedibile una maggiore dipendenza dall’importazione di energia, è urgente avviare ulteriori politiche a sostegno di una effettiva riduzione del fabbisogno energetico del patrimonio edilizio europeo, responsabile del 40% di tutta l’energia consumata in Europa.
Secondo il WEO proprio l’edilizia, infine, è da considerarsi come il settore con il più alto potenziale di efficienza energetica.

Il documento è scaricabile al link: http://www.worldenergyoutlook.org/publications/weo-2012/#d.en.26099