Home » LAVORO » Cig: cantiere unità produttiva se ha una durata di almeno 30 giorni

Cig: cantiere unità produttiva se ha una durata di almeno 30 giorni

Il Ministero del Lavoro, con la nota n. 525 del 18 gennaio 2018 (allegata), ha fornito chiarimenti in merito all’anzianità di effettivo lavoro , nei riguardi dei lavoratori, per avere diritto alla cassa integrazione guadagni.

La nota ministeriale , sottolinea che la formulazione letterale del testo normativo di riferimento prevede che il requisito dell’anzianità di effettivo lavoro ai fini dell’accesso alla cassa integrazione guadagni sussiste se si verificano le seguenti condizioni:

  1. l’anzianità di lavoro si realizza presso l’unità produttiva per la quale viene chiesto il trattamento;
  2. si tratta di un’anzianità di effettivo lavoro e non di una mera anzianità di servizio;
  3. l’anzianità è almeno pari a 90 giorni alla data di presentazione della domanda di trattamento.

Tra le condizioni di riconoscimento dell’anzianità di effettivo lavoro, non è, al contrario, annoverata la continuità della prestazione lavorativa presso l’unità produttiva per la quale viene chiesto il trattamento di integrazione salariale.

Inoltre, come già chiarito con la  nota del Ministero del Lavoro prot. n. 9631 del 14 giugno 2017), ai fini della qualificazione di un cantiere come “unità produttiva” è stato stabilito che il cantiere abbia una durata di almeno 30 giorni.

Il Ministero conclude : “Pertanto,  che per ciò che concerne i cantieri che costituiscono unità produttiva la verifica dell’anzianità di effettivo lavoro andrà effettuata con riferimento al singolo cantiere, con la conseguenza che, potranno fruire del trattamento di integrazione salariale i lavoratori che abbiano, presso l’unità produttiva per la quale viene richiesto il trattamento (il cantiere), un’anzianità di effettivo lavoro di almeno 90 giorni, fermo restando che, ai sensi del sopra menzionato articolo 1, comma 2, del decreto legislativo n. 148 del 2015, la verifica del requisito di anzianità di effettivo lavoro non va effettuata per gli eventi oggettivamente non evitabili.”

 Min.Lav. Nota n. 525 18 gennaio 2018