Home » LAVORO » Corte Europea di Giustizia: distacchi transnazionali illeciti.

Corte Europea di Giustizia: distacchi transnazionali illeciti.

La Corte di giustizia dell’Unione europea, con la sentenza emessa il 6 febbraio causa C-359/16 (allegata), ha affermato il principio che  ove vi sia un distacco transnazionale di lavoratori, i Giudici del Paese ospitante possono escludere   l’applicazione del certificato di previdenza sociale emesso dal paese di origine, qualora emerga l’esistenza di una frode.

La Corte afferma che, qualora l’istituzione dello Stato membro nel quale i lavoratori sono stati distaccati abbia investito l’istituzione che ha emesso certificati E101 (ora A1) di una domanda di riesame e di revoca degli stessi, sulla scorta di elementi raccolti nell’ambito di un inchiesta giudiziaria dalla quale è emerso che tali certificati sono stati ottenuti o invocati in modo fraudolento, e l’istituzione emittente non abbia tenuto conto di tali elementi ai fini del riesame della correttezza del rilascio di suddetti certificati, il giudice nazionale può, nell’ambito di un procedimento promosso contro persone sospettate di aver fatto ricorso a lavoratori distaccati servendosi di tali certificati, ignorare questi ultimi se constati l’esistenza di una tale frode.

 Corte giustizia europea C-359-16

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi