Home » Tecnologia, Energia, Ambiente e Sicurezza » Criteri ambientali minimi per l’affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici

Criteri ambientali minimi per l’affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici

Con decreto dell’11 ottobre 2017, entrato in vigore lo scorso 7 novembre, il Ministero dell’Ambiente ha definito i criteri ambientali minimi (CAM) per l’affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici.

L’allegato al decreto, che riporta i CAM, fornisce alcune indicazioni di carattere generale rivolte alle stazioni appaltanti in relazione all’espletamento della relativa gara d’appalto e all’esecuzione del contratto. In particolare tali indicazioni consistono in suggerimenti finalizzati alla razionalizzazione degli acquisti per tale categoria merceologica, ed eventualmente anche in relazione all’espletamento della relativa gara d’appalto, all’esecuzione del contratto e/o alla gestione del prodotto o servizio oggetto dello stesso.

I CAM individuati per le diverse fasi di definizione della procedura di gara assicurano prestazioni ambientali al di sopra della media del settore per cui corrispondono ove possibile a caratteristiche e prestazioni ambientali superiori a quelle previste dalle leggi nazionali e regionali vigenti.

Tuttavia qualora esistano Leggi regionali che prescrivono prestazioni ancor meno impattanti di quelle definite dai CAM, tali leggi prevalgono sui CAM definiti in questo decreto.

 

Scarica allegato

 Decreto Criteri ambientali minimi per l’affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici