Home » Tecnologia, Energia, Ambiente e Sicurezza » I principali rinvii del Milleproroghe: SISTRI, termoregolazione, quota rinnovabili negli edifici, oneri di sistema, accise cogenerazione

I principali rinvii del Milleproroghe: SISTRI, termoregolazione, quota rinnovabili negli edifici, oneri di sistema, accise cogenerazione

Il Decreto-legge 30 dicembre 2016, n. 244 recante “Proroga e definizione di termini”, entrato in vigore il 30 dicembre 2016, sposta in avanti alcuni provvedimenti.

Di seguito le principali proroghe.

OBBLIGO DI SISTEMI DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE

Con il Milleproroghe slitta di 6 mesi, dal 31 dicembre 2016 al 30 giugno 2017, il termine entro il quale provvedere all’installazione dei sistemi di contabilizzazione e termoregolazione del calore negli edifici condominiali e polifunzionali con riscaldamento centralizzato.

In particolare l’art. 6, comma 10, del DL 244/2016 modifica l’art. 9, comma 5 del DLgs 102/2014 che diventa:

  1. a) qualora il riscaldamento, il raffreddamento o la fornitura di acqua calda ad un edificio o a un condominio siano effettuati tramite allacciamento ad una rete di teleriscaldamento o di teleraffrescamento, o tramite una fonte di riscaldamento o raffreddamento centralizzata, è obbligatoria, entro il 30 giugno 2017, l’installazione, a cura degli esercenti l’attività di misura, di un contatore di fornitura in corrispondenza dello scambiatore di calore di collegamento alla rete o del punto di fornitura dell’edificio o del condominio;
  2. b) nei condomini e negli edifici polifunzionali riforniti da una fonte di riscaldamento o raffreddamento centralizzata o da una rete di teleriscaldamento o da un sistema di fornitura centralizzato che alimenta una pluralità di edifici, è obbligatoria l’installazione entro il 30 giugno 2017, a cura del proprietario, di sotto-contatori per misurare l’effettivo consumo di calore o di raffreddamento o di acqua calda per ciascuna unità immobiliare, nella misura in cui sia tecnicamente possibile, efficiente in termini di costi e proporzionato rispetto ai risparmi energetici potenziali. L’efficienza in termini di costi può essere valutata con riferimento alla metodologia indicata nella norma UNI EN 15459. Eventuali casi di impossibilità tecnica alla installazione dei suddetti sistemi di contabilizzazione o di inefficienza in termini di costi e sproporzione rispetto ai risparmi energetici potenziali, devono essere riportati in apposita relazione tecnica del progettista o del tecnico abilitato; L’obbligo è contenuto all’articolo 9, comma 5, del DLgs 102/2014.

Dopo il 30 giugno 2017 scatteranno i controlli e le relative sanzioni che vanno dai 500 ai 2.500 euro per appartamento in caso di mancato adeguamento alla normativa.

 OBBLIGO DI RINNOVABILI TERMICHE NEGLI EDIFICI

Con l’articolo 12 comma 2 viene rinviato al 2018 l’aumento dal 35% al 50% dell’obbligo di rinnovabili termiche contenuta nell’allegato 3 al DLgs 28/2011.

Come noto, nel caso di edifici di nuova costruzione o sottoposti a ristrutturazione rilevante, è fatto obbligo di garantire il contemporaneo rispetto della copertura, tramite il ricorso ad energia prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili, del 50% dei consumi previsti per l’acqua calda sanitaria e delle seguenti percentuali della somma dei consumi previsti per l’acqua calda sanitaria, il riscaldamento e il raffrescamento:

  1. a) Il 20% quando la richiesta del pertinente titolo edilizio è presentata dal 31 maggio 2012 al 31 dicembre 2013;
  2. b) Il 35% quando la richiesta del pertinente titolo edilizio è presentata dal 1° gennaio 2014 al 31 dicembre 2017 (in precedenza era 31 dicembre 2016);
  3. c) Il 50% quando la richiesta del pertinente titolo edilizio è rilasciato dal 1° gennaio 2018 (in precedenza era 31 dicembre 2017).

ONERI GENERALI DI SISTEMA

Con l’articolo 6, comma 9, slitta di due anni dal 1 gennaio 2016 al 1 gennaio 2018 il termine da cui l’Autorità per l’energia dovrà a adeguare la struttura di imputazione degli oneri generali di sistema per i clienti non domestici a quella – non progressiva – già in vigore per le tariffe di rete e misura.

Dal 1° gennaio 2017 le parti variabili degli oneri generali di sistema sono applicate all’energia elettrica prelevata dalle reti pubbliche con obbligo di connessione di terzi.

ACCISE COGENERAZIONE

L’art. 13 comma 2 proroga al 31 dicembre 2017 l’accisa agevolata riservata alla cogenerazione secondo la metodologia di calcolo stabilita dalla Delibera AEEG n. 16/98, con la riduzione del 12% dei parametri.

La proroga, come noto, si è resa necessaria in attesa che venga emanato il decreto del Ministero dello sviluppo economico previsto dal Dl 16/2012 (convertito in Legge 44/2012) per la definizione dei nuovi coefficienti da applicarsi al quantitativo di combustibile utilizzato negli impianti di cogenerazione.

SISTRI

L’articolo 12 comma 1 proroga per la quarta volta e fino al 31 dicembre 2017 l’entrata in vigore del SISTRI (Sistema informatico di tracciabilità dei rifiuti speciali e pericolosi). Pertanto per il 2017 continuano ad applicarsi gli adempimenti e gli obblighi relativi alla gestione dei rifiuti antecedenti alla disciplina del Sistri.

Analogamente, fino al subentro del nuovo concessionario e comunque non oltre il 31 dicembre 2017, le sanzioni concernenti l’omessa iscrizione al Sistri e il mancato pagamento del contributo per l’iscrizione stessa sono ridotte del 50%.

 

Scarica Allegato

 Decreto-legge 30 dicembre 2016 n 244