Home » LAVORO » INL: contratto di rete distacco e codatorialità

INL: contratto di rete distacco e codatorialità

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro  ha emanato la circolare n. 7 del 29 marzo 2018 (allegata), con la quale fornisce, ai propri ispettori, alcuni chiarimenti sull’utilizzo fraudolento del contratto di rete.

Nella circolare sono presi a spunto annunci pubblicitari che propongono il ricorso a “sistemi di esternalizzazione dei dipendenti” dove possono celarsi ipotesi di somministrazione e distacco illeciti.

ln particolare negli annunci in questione si promuove l’utilizzo del distacco e della codatorialità nell’ambito di contratti di rete, evidenziando i “forti vantaggi” di natura economica di cui beneficerebbero le imprese, tra i quali :
– mancata applicazione del CCNL in caso di socio lavoratore di cooperativa;
– “l’utilizzo del personale alla stregua del lavoro interinale”;
– la “assenza di responsabilità legale e patrimoniale verso i dipendenti esternalizzati”;
– il “lavoro straordinario/festivo senza maggiorazioni”;
– la corresponsione al dipendente in malattia della sola quota che rimborsa l’INPS e maggiore “flessibilità” nella chiusura dei rapporti con i lavoratori non più “graditi” mediante semplice.

L’Ispettorato, nella circolare,  ritiene utile riepilogare le disposizioni vigenti in materia, chiarendo sin da subito che il personale distaccato o in regime di codatorialità non può subire un  pregiudizio nel trattamento economico e normativo per effetto della stipula di un contratto di rete tra imprese.

Nella circolare è ricordato che il contratto di rete:

  • è disciplinato dall’ art. 3, comma 4 ter, del D.L. n. 5/2009,  e  può essere stipulato esclusivamente tra due o più imprese e di conseguenza non possono partecipare alla rete soggetti non qualificabili come imprenditori ai sensi dell’art. 2082 c.c. (ad es. professionisti e associazioni).
  • trova i suoi effetti dopo la sua iscrizione nel registro delle imprese;
  • consente di usare il distacco con maggiore flessibilità  e consente la codatorialità tra imprese che ne fanno parte e i lavoratori, circostanze che devono risultare nel contratto stesso;
  • ha necessità che i dipendenti siano formalmente assunti da un impresa partecipante e deve essere garantito  il trattamento economico e normativo previsto dal contratto collettivo applicato dal datore di lavoro che procede all’assunzione.

La circolare conclude ricordando:

“Al riguardo, va considerato che le eventuali omissioni afferenti il trattamento retributivo o contributivo espongono a responsabilità tutti i co-datori, a far data dalla messa “a fattor comune” dei lavoratori interessati.
Ciò in quanto i firmatari del contratto di rete sono tutti datori di lavoro nei confronti del personale indicato dallo stesso contratto, trovando quindi applicazione il principio generale della responsabilità solidale di cui all’art. 29, comma 2, D.Lgs. n. 276/2003; principio peraltro recentemente esteso dalla Corte Costituzionale, sentenza n. 254 del 6 dicembre 2017, anche a fattispecie diverse da quelle dell’appalto al fine dichiarato di “evitare il rischio che i meccanismi di decentramento – e di dissociazione fra titolarità del contratto di lavoro e utilizzazione della  prestazione – vadano a danno dei lavoratori utilizzati nell’esecuzione del contratto commerciale”. 

A tal fine, si rammenta che assumono rilevanza anche quelle omissioni contributive che derivino dall’applicazione di un contratto collettivo che non abbia i caratteri della maggiore rappresentatività comparativa di settore secondo quanto previsto dell’art. 1, comma 1 del D.L. n. 338/1989. Sotto tale aspetto si richiamano le indicazioni operative già fornite in ordine alle conseguenze derivanti dalla mancata applicazione del c.d. contratto leader.”

 INL circolare n.7 del 29-03-2018

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi