Home » Tecnologia, Energia, Ambiente e Sicurezza » Modifiche alla disciplina degli incentivi per gli interventi di efficienza energetica e rischio sismico

Modifiche alla disciplina degli incentivi per gli interventi di efficienza energetica e rischio sismico

È in vigore dal 1 maggio 2019 il Decreto-legge del 30/04/2019 n. 34, cosiddetto Decreto Crescita, che all’articolo 10 modifica la disciplina degli incentivi per gli interventi di efficienza energetica e rischio sismico prevedendo:

“3.1. Per gli interventi di efficienza energetica di cui al presente articolo, il soggetto avente diritto alle detrazioni può optare, in luogo dell’utilizzo diretto delle stesse, per un contributo di pari ammontare, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, anticipato dal fornitore che ha effettuato gli interventi e a quest’ultimo rimborsato sotto forma di credito d’imposta da utilizzare esclusivamente in compensazione, in cinque quote annuali di pari importo, ai sensi dell’ articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, senza l’applicazione dei limiti di cui all’articolo 34 della legge 23 dicembre 2000, n. 388, e all’articolo 1, comma 53, della legge 24 dicembre 2007, n. 244. “

“1-octies. Per gli interventi di adozione di misure antisismiche di cui al presente articolo, il soggetto avente diritto alle detrazioni può optare, in luogo dell’utilizzo diretto delle stesse, per un contributo di pari ammontare, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, anticipato dal fornitore che ha effettuato gli interventi e a quest’ultimo rimborsato sotto forma di credito d’imposta da utilizzare esclusivamente in compensazione, in cinque quote annuali di pari importo, ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, senza l’applicazione dei limiti di cui all’articolo 34 della legge 23 dicembre 2000, n. 388, e all’articolo 1, comma 53, della legge 24 dicembre 2007, n. 244.”

Con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate, che dovrà essere emanato entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto, saranno poi definite le modalità attuative delle suddette disposizioni, comprese quelle relative all’esercizio dell’opzione da effettuarsi d’intesa con il fornitore.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi