Home » LAVORO » Note spese: conservazione e dematerializzazione dei documenti

Note spese: conservazione e dematerializzazione dei documenti

Con la risposta a interpello n. 388 del 20 settembre 2019 (allegata) l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in tema di dematerializzazione e conservazione sostitutiva delle note spese dei dipendenti in trasferta.

In particolare l’Agenzia ha precisato che è possibile conservare elettronicamente le note spese dei dipendenti in trasferta e i relativi giustificativi allegati, con distruzione del cartaceo, qualora i documenti informatici abbiano le caratteristiche della immodificabilità, integrità, autenticità e leggibilità.

L’agenzia pone l’attenzione sulla natura dei documenti analogici che devono essere “non unici” ai sensi dell’articolo 1, lettera v), del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 (codice dell’Amministrazione Digitale, C.A.D.) che qualifica come tali i ” documenti per i quali sia possibile risalire al loro contenuto attraverso altre scritture o documenti di cui sia obbligatoria la conservazione anche se posseduti da terzi“.

In assenza di tale presupposto il documento ha natura di documento analogico originale “unico” per la cui conservazione sostitutiva è necessario l’intervento di un pubblico ufficiale.


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi