Home » APPALTI » Nuovo Codice degli appalti e delle concessioni

Nuovo Codice degli appalti e delle concessioni

Nuovo Codice degli appalti e delle concessioni. Pubblicate le prime 5 proposte di Linee Guida attuative

L’organismo presieduto da Raffaele Cantone ha approvato il 21 giugno scorso le prime cinque proposte di Linee guida attuative del nuovo Codice degli Appalti e delle Concessioni, precedentemente sottoposte a consultazione pubblica.

Riportiamo di seguito le 5 linee guida di approfondimento pubblicate sul sito della ANAC lo scorso 28 giugno, scaricabili in formato pdf, per ognuno dei 5 ambiti trattati:

1. Il Direttore dei Lavori: modalità di svolgimento delle funzioni di direzione e controllo tecnico, contabile e amministrativo dell’esecuzione del contratto (art. 111, comma 1, del Codice);
Linee Guida
Relazione Illustrativa

2. Il Direttore dell’esecuzione: modalità di svolgimento delle funzioni di coordinamento, direzione e controllo tecnico-contabile dell’esecuzione del contratto (art. 111, comma 2, del Codice);
Linee Guida
Relazione Illustrativa

3. Nomina, ruolo e compiti del Responsabile Unico del Procedimento per l’affidamento di appalti e concessioni (art. 31 del Codice);
Linee Guida
Relazione AIR

4. Offerta economicamente più vantaggiosa (art. 95 del Codice).
Linee Guida
Relazione AIR

5. Servizi di ingegneria e architettura (artt. 23, 24 e 157 del Codice).
Linee Guida
Relazione AIR

Con riferimento ai documenti relativi ai punti 1 e 2, il Consiglio dell’Autorità, nell’adunanza del 21 giugno 2016, in osservanza delle previsioni dell’art. 111, comma 1, del Codice, ha approvato le proposte da trasmettere al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti al fine dell’adozione del decreto ministeriale di competenza.

Con riferimento ai documenti di cui ai punti 3, 4 e 5, il Consiglio dell’Autorità, nelle medesima adunanza, in considerazione della rilevanza generale delle determinazioni assunte, ha deliberato di acquisire, prima dell’approvazione dei documenti definitivi, il parere del Consiglio di Stato, della Commissione VIII – Lavori pubblici, comunicazioni del Senato della Repubblica e della Commissione VIII – Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici della Camera dei Deputati.All’esito dell’acquisizione dei pareri richiesti, si procederà all’approvazione e successiva pubblicazione dei documenti definitivi.