Home » FORMAZIONE » PROFILI ENEL C (Capo Squadra): definite le date per il corso

PROFILI ENEL C (Capo Squadra): definite le date per il corso

Prenderà il via il prossimo 23 gennaio a Roma il Corso per “PROFILI ENEL – C | PROFILO PROFESSIONALE: CAPO SQUADRA” per la conduzione di attività lavorative su impianti di distribuzione dell’energia elettrica a media e bassa tensione.
Di seguito tutti i dettagli.

DATE
23 -24-25-26 gennaio 2017 ore 9.30-18.00
ESAME CONCLUSIVO: 26 gennaio 2017

A chi è rivolto
Ai capisquadra: ovvero ai soggetti addetti alla conduzione di squadre o di formazioni operative, incaricate della esecuzione di lavori, interventi e attività su impianti MT/BT (linee e cabine), su gruppi di misura e prese, anche sotto tensione in bassa tensione; alla predisposizione e coordinamento dell’allestimento dei cantieri e delle attività delle persone da loro dipendenti, al controllo dei rischi connessi all’attività e alla guida di formazioni composte da due o più addetti che possiedono la condizione di PEC, PAV o PES

Requisiti richiesti ai fini della partecipazione
L’Impresa, all’atto dell’iscrizione del dipendente al corso, deve presentare all’Istituto di Formazione i seguenti prerequisiti documentati:

a) Attestato in originale, conseguito a seguito di partecipazione ad uno dei corsi certificati (di base o di aggiornamento) e superamento del relativo esame , in data non antecedente agli ultimi 6 anni.
Gli attestati di profilo professionale H non sono prerequisito sufficiente per l’ammissione ai corsi.

in alternativa

b) Diploma di istituto professionale (IPSIA) o attestato di formazione professionale rilasciato conformemente alle Leggi-Quadro dello Stato Italiano vigenti in materia di formazione professionale, con specializzazione ad indirizzo elettrico, elettronico o a indirizzo tecnologico o titolo di livello superiore (diploma, laurea);

Oltre ai suddetti titoli, i candidati dovranno essere in possesso di:

● attestato di formazione per persona avvertita (PAV) in conformità a quanto prescritto dalla Norma CEI 11/27, livelli 1A e 1B e dichiarazione del Datore di Lavoro che ne attesta la condizione di PAV controfirmata dal dipendente.
● presentazione della dichiarazione del datore di lavoro controfirmata dal dipendente che attribuisce la condizione di PES, supportata dall’attestato di partecipazione al corso concernente la formazione minima prevista dalla CEI 11/27 livelli 1A e 1B.
LE TIPOLOGIE DI LAVORI CUI SI RIFERISCONO LE ATTRIBUZIONI DI PES E PAV, DEVONO ESSERE COERENTI CON IL TIPO DI ATTIVITÀ PREVISTE DAL PROFILO RICHIESTO.

L’IdF deve ottenere dai partecipanti la documentazione attestante i prerequisiti dei discenti, i quali devono indicare il ruolo che ricoprono presso l’Impresa.

Principali contenuti del corso

Parte teorica
● Richiami delle conoscenze di base in campo elettrico (elettrotecnica).
● Reti elettriche di distribuzione dell’energia in media e bassa tensione, schemi e materiali (comprese modalità di costruzione e manutenzione di linee elettriche MT e BT aeree e interrate, cabine MT/BT, PTP prese utenti e gruppi di misura tradizionali ed elettronici).
● Esercizio degli impianti elettrici MT e BT (anomalie e rimedi, interferenze con altre installazioni, manovre, condizioni ambientali).
● Principali disposizioni legislative in materia di sicurezza per i lavori elettrici in cantiere.
● La documentazione contrattuale di Enel Distribuzione per la consegna degli impianti elettrici.
● Descrizione dell’impianto di illuminazione pubblica: linea di alimentazione elettrica e connessioni, tracciato della linea di alimentazione, apparecchiature di comando dei centri luminosi, protezione contro i contatti indiretti, verifiche preliminari alla messa in servizio e distanze di rispetto.
● Esercizio degli impianti di illuminazione pubblica in derivazione: impianti promiscui e non promiscui, attività sotto tensione e fuori tensione, manovre all’interno delle cabine di trasformazione di Enel Distribuzione e attività di pronto intervento affidate all’impresa.
● Regolamento di Enel Sole.
● Modalità di trasmissione e di scambio informazioni tra le persone interessate ai lavori.
● Norme CEI EN 50110-1 e CEI EN 50110-2 (esclusi i lavori sotto tensione in bassa tensione).
● Il fenomeno “Elettrocuzione” nel corpo umano e nozioni di “Primo Soccorso”.
● Scelta dell’attrezzatura, individuazione ed impiego dei dispositivi di protezione individuali (DPI) e loro modalità di verifica e conservazione.
● Strumenti di diagnostica e di misura di cantiere.

Esercitazioni pratiche (ricostruzione della situazione reale con le apparecchiature e le attrezzature necessarie)
Sono finalizzare ad ottenere la capacità di utilizzare, in modo razionale, le risorse umane ed applicare correttamente le procedure, i metodi di lavoro, le attrezzature e le strumentazioni relative alle principali tipologie di impianti elettrici, MT e BT e di gestione utenza. Quanto sopra per garantire l’esecuzione delle attività e delle opere secondo la regola dell’arte ed in sicurezza.
Le esercitazioni pratiche (in cantiere) devono riguardare in particolare i seguenti aspetti:

● Interpretazione della documentazione di progetto.
● Individuazione e riparazione (simulata) di un guasto in una cabina MT/BT (tipo box o in elevazione), messa in sicurezza della stessa e organizzazione della riparazione.
● Manovre per la ricerca e l’individuazione di un guasto sulla rete MT o per la modifica dell’assetto rete (modalità di comunicazione tra le persone interessate (Responsabile dell’impianto, Preposto ai lavori, persona delegata dal responsabile dell’impianto).
● Ricerca, individuazione e riparazione (simulata) di un guasto sulla rete BT in cavo (aereo o interrato).
● Criteri di costruzione /manutenzione degli impianti elettrici a media e bassa tensione in cavo, conduttori nudi e cabine, comprese le attività connesse alla presa in consegna e riconsegna degli impianti in esercizio.
● Messa in sicurezza delle cabine MT/BT, delle linee aeree (in cavo e in conduttori nudi) MT e BT e delle linee interrate MT e BT attraverso l’uso degli appositi dispositivi (dispositivi di messa a terra e in cortocircuito MT e BT, dispositivo di equipotenzialità MT dispositivo mobile di continuità MT, dispositivo per la verifica di assenza di tensione MT e BT, dispositivo per la concordanza delle fasi MT, ecc.).
● Utilizzo di apparecchiature dedicate come: il selettore cavo da fascio, il cercaservizi interrati, lo strumento per la misura della resistenza di terra, il multimetro (analogico o digitale), la pinza voltamperometrica a tenaglia, il sequenzioscopio.
● Scelta uso e manutenzione dei Dispositivi di Protezione Individuali (DPI) relativi alle varie tipologie di attività lavorative.

DURATA DELLA FORMAZIONE
32 ore formative comprensive di esame finale
(23-24-25-26 gennaio 2017 / esame conclusivo da svolgersi l’ultimo giorno di corso)

Al superamento dell’esame sarà rilasciato un attestato di “qualificazione” secondo disposizioni richieste dalla Specifica ENEL APR037

QUOTAZIONI
L’importo per la formazione è di € 590,00 + I.V.A a persona

SEDI
23 gennaio 2017 ore 9.30-18.00: presso Assistal – Via Basento 37
24-25-26 gennaio 2017 ore 9.30-18.00: presso campo prove idoneo “qualificato” (verrà comunicato il primo giorno di corso)

Per maggiori informazioni

Responsabile dell’Area Formazione ASSISTAL – Responsabile dell’IdF qualificato per i profili ENEL
Dott.ssa Maria Francesca Battisti
06/853730 – f.battisti@assistal.it

Segreteria Didattica – Segreteria Didattica IdF qualificato per i profili ENEL
Dott.ssa Claudia Palumbo
06/853730 – c.palumbo@assistal.it

Scarica allegati

Scheda di Adesione – Corso PROFILI ENEL C (Capo Squadra)