Home » Comunicati Stampa » Ricostruzione nei territori interessati al sisma del 24 agosto 2016: lettera per l’On.le De Micheli

Ricostruzione nei territori interessati al sisma del 24 agosto 2016: lettera per l’On.le De Micheli

In data 23 gennaio 2018, ASSISTAL, Confartigianato e CNA, hanno scritto al Commissario del Governo per la ricostruzione nei territori interessati al sisma del 24 agosto 2016, On.le Paola DE MICHELI, in relazione all’ Ordinanza n. 41 del 2 novembre 2017.

 

Nella missiva, che segue una precedente lettera già inviata da ASSISTAL all’Onorevole De Micheli sul tema, le Associazioni hanno evidenziato come nell’ordinanza 41/2017 vi sia un esclusivo riferimento alle Casse Edili/Edilcassa quali referenti per il rilascio del documento attestante la regolarità contributiva (DURC/ONLINE) nonché come soggetti che possano attestare la congruità dell’incidenza della manodopera impiegata dall’impresa nel cantiere interessato ai lavori.

Il solo richiamo al settore edile, infatti, quale esclusivo soggetto coinvolto nella vicenda, non risulta congruo, in quanto la componente impiantistica rappresenta una significativa parte di opere da realizzarsi per la ricostruzione nei territori toccati dal sisma del 2016.

 

ASSISTAL, inoltre, ha sottolineato come le attività impiantistiche riguardanti gli impianti elettrici, tecnologici e di sicurezza, compresi nell’ordinanza n. 7 del 14 dicembre 2016 con la quale è stato definito il  “Prezzario  unico del cratere del centro Italia”,   rientrino tra le attività esercitate dalle imprese impiantistiche rappresentate dalla nostra Associazione, le quali applicano il CCNL dell’industria metalmeccanica e della installazione di impianti, contratto che non prevede alcun riferimento ed ancor meno versamento alle Casse Edili.

 

A conferma di ciò nel menzionato Prezziario alla pagina “Avvertenze Generali” al quinto comma è esplicitamente indicato : “Il costo della manodopera del settore impiantistico è rilevato presso ASSISTAL- Associazione Nazionale Costruttori di Impianti e si riferisce sia al settore elettrico che a quello meccanico”.

 

Alla luce di ciò, la nostra Associazione ha segnalato la necessità che per le imprese impiantistiche sia chiarito che il DURC non deve contenere alcun riferimento alle Casse Edili mancandone la competenza ma sia rilasciato, come da normativa vigente, solo con le attestazioni dell’INPS e INAIL.

 

Congiuntamente, le Associazioni hanno rinnovato la legittima richiesta di diretto coinvolgimento nella vicenda, al fine di essere parti attive in termini di corretta rappresentanza istituzionale nonché fornire esperienze e conoscenze di concreto ausilio per il coordinamento delle opere di ricostruzione.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi