Home » Tecnologia, Energia, Ambiente e Sicurezza » Servizio di teleriscaldamento e teleraffrescamento: documento AEEGSI in consultazione

Servizio di teleriscaldamento e teleraffrescamento: documento AEEGSI in consultazione

Con il documento in consultazione 46/2017/R/tlr, l’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico illustra i primi orientamenti per la regolazione di alcuni profili della qualità contrattuale del servizio di pubblica utilità di “telecalore” (cioè di teleriscaldamento e teleraffrescamento).

Tale procedimento è volto a dare attuazione ai compiti di regolazione e controllo nel settore del teleriscaldamento e del teleraffrescamento conferiti all’AEEGSI dal DLgs 102/2014 e s.m.i. con l’obiettivo di promuovere lo sviluppo del settore e la concorrenza.

Gli orientamenti dell’Autorità sono formulati in esito alla raccolta dati avviata con la delibera 574/2016/E/tlr, che ha evidenziato alcune criticità nel settore, tra le quali: la scarsa diffusione delle Carte dei servizi e degli standard di qualità contrattuale; la disomogenea adozione di standard di qualità contrattuale da parte degli operatori; le notevoli differenze nei livelli prestazionali e negli standard contrattuali adottati; la scarsissima diffusione di indennizzi automatici agli utenti nel caso di inadempienze o disservizi per cause imputabili all’esercente.

Tali disomogeneità discendono dal fatto che, diversamente dagli altri settori regolati dall’Autorità, per il servizio di telecalore non esiste uno schema generale di riferimento normativo in materia di Carte dei servizi; di conseguenza, ove in vigore, le Carte dei servizi e gli standard di qualità contrattuale sono stati adottati dagli operatori su base volontaria e, dunque, definiti unilateralmente; oppure sono stati previsti nell’ambito di convenzioni, concessioni o contratti per l’affidamento del servizio da parte di Enti Locali riferite, dunque, a singole reti.

L’intervento dell’Autorità parte dalle opportune analogie con la regolazione della qualità contrattuale nei settori elettrico, del gas naturale e del servizio idrico integrato per introdurre due tipologie di standard (livelli) minimi di qualità del servizio:

– standard specifici (che seguono un approccio di regolazione di tipo selettivo, focalizzato sulla qualità della prestazione da garantire al singolo utente ed espressi, generalmente, come soglie minime o massime); agli standard specifici sono associati indennizzi automatici;

– standard generali (che seguono un approccio di regolazione di tipo statistico, focalizzato sulla qualità del complesso delle prestazioni di un certo tipo fornite agli utenti ed espressi in termini di percentuale minima di prestazioni erogata nel rispetto di un certo livello minimo di qualità).

La consultazione pubblica termina il 3 marzo 2017 pertanto osservazioni e proposte potranno essere inviate a tecnico@assistal.it entro il 27 febbraio 2017.

 

Scarica allegato

 Documento AEEGSI su teleriscaldamento in consultazione pubblica